domenica 8 ottobre 2017

Serie "Historic prog bands live in Italy" - Capitolo 34 - Donovan, La Bussola, Viareggio, 25 luglio 1970


TRACKLIST:

Solo
01. Isle Of Islay 
02. Jennifer Juniper 
03. Sailing Homeward 
04. Colours 
05. Electric Moon Upon The Water 
06. Lalena 
07. The Ice Queen 
08. Catch The Wind 

With band
09. There Is A Mountain 
10. Peace For My Mind 
11. Season Of The Witch 
12. Riki Tiki Tavi


LINE UP "OPEN ROAD" BAND

Donovan - guitar, harp, vocals 
Mike Thomson - bass, guitar, vocals 
Mike O'Neill - piano, vocals 
John Carr - drums, vocals 

Donovan e signora a Viareggio, 1970
Cari amici, accendete gli incensi: è in arrivo Donovan, il menestrello scozzese autore di brani storici e indimenticabili come Catch The Wind, Sunshine Superman, Mellow Yellow, Jennifer Juniper, Colours e, su tutti, quell'album capolavoro che fu "Barabajagal" del 1969, accompagnato dai migliori musicisti inglesi di allora: l'intero Jeff Beck Group, John Paul Jones, Nicky Hopkins, Rod Stewart, Ronnie Wood, giusto per citarne alcuni. Nel 1970, quando venne pubblicato "Open Road", Donovan aveva già alle spalle cinque anni di intensa attività in studio e dal vivo, e ben dieci album pubblicati. "Open Road" passò un po' sotto tono a livello di vendite, pur contenendo  quella Riki Tiki Tavi che divenne un singolo di successo. In quel periodo Donovan e la sua nuova band (guarda caso battezzata "The Open Road") si imbarcarono sullo yacht del cantautore con l'intenzione di abbandonare l'Inghilterra ritenuta troppo esosa per le tasse. Veleggiarono lungo il Mediterraneo fino all'isola di Creta. Il materiale realizzato, musiche e immagini, confluirono nel docufilm "There is an Ocean", rimasto inedito fino al 2008. 


Il tour promozionale toccò numerosi stati, Grecia, Francia, Unione Sovietica, Giappone. Nel corso del tour venne toccata anche l'Italia con un'unica data alla Bussola di Viareggio, il 25 luglio. Donovan e sua moglie si fecero anche fotografare mentre si rilassavano sulla spiaggia di Viareggio.Il tour degli Open Road si concluse il 30 agosto 1970 al leggendario Festival dell'Isola di Wight. Il bootleg qui proposto (con tanto di front e back cover), oggi di non facile reperibilità, venne intitolato "Open Road to Italy". 


Il concerto è purtroppo incompleto, infatti mancano tre brani, "Mistaken Eternuty  "I Don't See Anyone I Know" e "No Time's Passed". Di più però non si trova in circolazione. Su Youtube sono pubblicati due brevi spezzoni dello show. Lo stesso venne ripreso integralmente dalla RAI  e trasmesso qualche  tempo dopo. Le cronache ci ricordano che venne presentato da Mariolina Cannuli. Donovan decise di suddividere il concerto in due tranche: la prima da solo con la sua chitarra acustica (dove sciorinò brani storici  quali Jennifer Juniper, Colours, Lalena, Catch The Wind), la seconda affiancato dagli Open Road. La registrazione, quasi un soundboard, è su un'unica traccia.

Un documento di assoluto valore storico. Buon ascolto.




Post by George

6 commenti:

  1. Caro George, grazie infinite di questa graditissima delizia.
    A suo tempo avevo registrato un concerto di Donovan da buona posizione (ero sotto il palco), ma ho penso la cassetta e non la trovo più, idem per John Renbourn.

    RispondiElimina
  2. ottimo.....ho molto amato donovan e ho avuto il piacere di vederlo live varie volte.....
    Per Albe.....ho già inviato un paio di concerti di renbourn....prima o poi li posteranno!

    RispondiElimina
  3. Grazie super-Osel, attendo con entusiasmo i live di Renbourn.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. li ho inviati il giugno scorso.......speriamo vedano la luce!

      Elimina