sabato 14 ottobre 2017

Futuro Antico - 2005 - Intonazioni archetipe plus Live Zuma Festival, Milano, 3 giugno 2017


TRACKLIST

01. Royal Cubit
02. African Pink Whale
03. Pan Tuning
04. Ektar On Plagiaulos On Electronic
05. Etruscan Blue Intonation
06. High Speed /Alta velocità
07. Arte nelle Stelle


FORMAZIONE

Walter Maioli - flute nai, osso d'acquila, fischio africano, sonagli, armonica bassa, arco a bocca, maranzano, flauto d'oppio, jangro, richiami, sonagli

Riccardo Sinigaglia - synthesizer, piano, organ, echoes, bongos, tibetan bells

Gabin Debirè - tambourines, xilophone, tom-tom, fischio, raspa, zanza, ektar, bastone sibilante, bonghi, conghe, legni, tamburo parlante, sonagli


Dopo 25 anni dall'uscita dell'eponimo disco del 1980, Futuro Antico si è ricostituito nel 2005 per sperimentare nuove possibili soluzioni sonoro-musicali alla ricerca di "intonazioni archetipe". Dopo numerose ricerche, e un concerto ad Ameno, è seguita una registrazione di quattro giorni realizzata nel settembre del 2005 il cui risultato ha dato vita a questo splendido CD, ancora un volta un perfetto mix tra sonorità etniche ed elettroniche. L'ultima traccia, Arte nelle Stelle, è una registrazione analogica risalente al 1980. Sul sito "Soundcenter", l'etichetta che ha pubblicato il CD, troverete una accurata descrizione dell'album e dei singoli brani che lo compongono. La consultazione è indispensabile.


Futuro Antico - Zuma Festival, Cascinet 
(Cascina Sant'Ambrogio), Milano - 3 giugno 2017
- reunion concert - (bootleg)


TRACKLIST:

01. Part 1
02. Part 2
03. Part 3


FORMAZIONE

Walter Maioli - strumenti a fiato
Riccardo Sinigaglia - tastiere
Gabin Debirè - percussioni, chitarra, voce


Questa registrazione live vede i Futuro Antico ospiti dello Zuma Festival, che si tiene a Milano alla Cascina Sant'Ambrogio (conosciuta come Cascinet) da alcuni anni. Nel cartellone 2017 appare anche il trio Maioli, Sinigaglia, Debirè per una eccezionale reunion dopo anni di assenza dalle scene musicali. Il gruppo riesce come sempre ad ammaliare il pubblico per le sperimentazioni sonore, con l'organo di Sinigaglia (che in alcuni momenti ha delle somiglianze impressionanti con Terry Riley), gli incredibili strumenti a fiato suonati da Maioli e il tappeto di percussioni di Debirè. 

Concludo: sarebbe interessante dedicare un post alle due musicassette "home made", ovvero "Les Balafons de Haute-Volta" e "Afghanistan". L'appello è stato lanciato. Amici, se qualcuno di voi le possiede e le vuole condividere con noi, si faccia vivo.

Buon ascolto! 


Link Intonazioni archetipe
Link Live Zuma Festival 2017

Post by George

2 commenti:

  1. Grazie George di questi brani suggestivi e ipnotici.

    RispondiElimina
  2. Francesco (Silverado)16 ottobre 2017 16:23

    Live Zuma 2017. Ottimo happening musicale, anche se Walter Majoli in questo caso si è trattenuto molto musicalmente parlando, ma ciò non toglie nulla all'incredibile atmosfera ipnotica e immagnifica che sono riusciti a creare gli altri musicisti. Ci sono pure i miei di applausi registrati, essendo stato presente all'evento. Grazie per il post.

    RispondiElimina